venerdì 25 aprile 2008



Lemma atarassia
Sillabazione/Fonetica [a-ta-ras-sì-a]
Etimologia Dal gr. ataraxía, comp. di a- priv. e táraxis 'turbamento'
Definizione s. f. (filos.) l'imperturbabilità dell'animo, che per gli epicurei è assenza di desiderio e timore, per gli stoici distacco dalle passioni, per gli scettici sospensione del giudizio.

Francesco Grassi

martedì 15 aprile 2008

Cerchi nel grano: il mistero delle mosche morte (5)

Pat Delgado, Colin Andrews e le mosche morte

Ancora mosche morte... se vi siete imbattuti nella mia indagine o avete cercato su web articoli riguardanti il mistero delle mosche morte, avrete letto sicuramente che il tutto ha origine a partire dal ritrovamento della ricercatrice olandese Janet Ossebaard nel Luglio 1998.

In realtà sono riuscito a trovare in letteratura un articolo datato 9 Luglio 1989 a firma di Stuart Wavell per il giornale Sunday Times in cui è possibile intuire con ragionevole certezza che Pat Delgado e Colin Andrews si fossero imbattuti nello stesso fenomeno una decina di anni prima, interpretandolo anch'essi in chiave misteriosa.

L'articolo è ritratto nell'immagine di questo post e questa è la trascrizione:

Close encounter: Colin Andrews, left, and Pat Delgado in one of the 148 circles that have appeared in the fields of southern England in the past month

Running round in circles

THE circle was 37 ft across, a perfet swirl of flattened green wheat spinning out from a tight centre. Despite a week's exposure to passing ramblers, it was in almost pristine condition, the horizontal plant steams neatly brushed towards a sharp division with the sorrounding crop.
"I have never seen anything like it before," declared Pat Delgado who, with fellow researcher Colin Andrews, had recorded the mysterious appearence of 148 circles in the fields of southern England during the previous four and a half weeks.
Delgado, a retired electromechanical design engineer, was referring to a distinctively baffling feature of this circle near the village of Chilcomb, two and a half miles from Winchester. Curving out from its edge, like a tadpole's tail, was a 28-yard channel whose flattened stems were combed immaculately towards the circle. Enormous pressure appeared to have been applied to these precise formations so that the soil carried impressions of the otherwise undamaged stems.
The circle's centre lay between a tractor's wheel tramlines, and some 200 yards from ancient tumuli.
Why, one wondered, would an alien leave his spacecraft to walk into the field and then return? Perhaps for a very human reason. I recalled that Delgado and Andrews's new book, Circular Evidence, mentioned the discovery of a "luminous, white, jelly-like substance" which had defied analysis.
Aliens are, of course, taboo among serious British UFO investigators. The two researchers, who favour the theory of a rotating energy field, say that they are working with 35 scientists, and stress their own technical credentials.
Delgado worked at the British missile testing range in Australia and later for Nasa. Andrews, whose Andover home is their operational base, is a senior electrical engineer with the local borough council.
Their remarkable aerial photographs are largely due to Busty Taylor, a fully qualified driving instructor with a pilot's licence. Busty is a man.
But the last week their professionalism was called into question by the British UFO Research Association (Bufora).
It accused them of "fostering a space-age myth" in their reaction of a meteorological explanation, of ignoring the extent of hoaxes and of persevely insisting that the circles are mostly confined to Hampshire and Wiltshire.
It also cited the authors' apparent reluctance to reveal that they were consultant to Flying Saucer Review - "a journal which has featured a secret 'plot' to remove UFO books from libraries and linked UFOs with genies".
I put this to Andrews, "I am indeed a consultant to Flying Saucer Review," he said. "I don't see what that has to do with it. I haven't gone out of my way to push that because we want to keep the research scientific.
"The vortex doesn't have to be intelligent, although personally I believe it is."
He contends that the phenomenon is not only increasing at an exponential rate, but that it is evolving. Indeed, the book's photographs show a bewildering array of single, double and triple circles, ornamented with permutations of 'Saturn' rings, satellite circles and swirl patterns.
The latest twist, claim the researchers, is a molecular change in affected crops which is passing into the food chain.
"The pattern is initially spiralled, but it starts growing into patterns like a dart board," Delgado said. "Of the 95 circles reported in Wiltshire until last week, one third were developing the same molecular damage."
Their critics at Bufora assert that by drawing media attention to Wessex and ignoring evidence of wider distribution, Delgado and Andrews are inadvertently encouraging elaborate hoaxes by groups fixated on the mysticism of Stonehenge, Avebury and Silbury Hill.
The reasearchers readily agree that the mysterious force appears to be taking an interest in them. "We can be talking, even on an aircraft, and the phenomenon appears to respond to the discussion, even the thought," Andrews said.
Fortunately, they can identify genuine circles with dowsing rods. And by felicitous circumstances, Delgado's naked hands are tuned to energy forces and subterranean water. In their book, Andrews relates several personal close encounters with the paranormal.
I asked if they had any evidence of animal life being affected.
Andrews triumphantly emerged from his kitchen with a frozen jamjar containing a fly, still clinging to a stem.
"This was taken from the centre of the vortex at Chilcomb. His wings are outstretched. He was about to take off. He's been zapped dead." Andrews beamed.

They have other flies in the sky - the Optica aircraft of Hampshire and Wiltshire police who, they say, exchange details of new circle formations. "They recognise we can't keep sweeping this under the carpet," Andrews said.
"It's big. We need help. We have the Japanese and French flying in, and still our government is not prepared to get off their backsides and come down here."
He flourished a graph of sightings. "The way this is going, something is going to happen in the next few months."

Circular Evidence by Pat Delgado and Colin Andrews is published on Thursday by Bloomsbury (£14.95).
The recently published Controversy Of The Circles, by Jenny Randles and Paul Fuller, is available from Bufora, 37 Heatbank Road, Stockport, Cheshire, SK3 OUP (£3.95)

Il passaggio chiave è il seguente e l'ho evidenziato prima in grassetto:
Andrews triumphantly emerged from his kitchen with a frozen jamjar containing a fly, still clinging to a stem.
"This was taken from the centre of the vortex at Chilcomb. His wings are outstretched. He was about to take off. He's been zapped dead."

Andrews è uscito trionfante dalla sua cucina con un barattolo per la marmellata contenente una mosca ancora attaccata allo stelo.
"Questa è stata presa dal centro del vortice presso Chilcomb. Le sue ali sono allungate. Stava quasi per prendere il volo. E' stata uccisa in maniera fulminea."

Dunque ricapitoliano... mosca morta, ancora attaccata allo stelo, ali allungate come se stesse quasi per librarsi in volo... gli elementi ci sono tutti: Entomophthora muscae.

L'articolo, ricordiamolo, è del Luglio 1989 e contiene a mio avviso anche altri elementi interessanti di riflessione.
I due "esperti" non sono circondati da consensi totali, c'è qualcuno che dissente profondamente dall'operato di Delgado e Andrews.
Gli ufologi della Bufora li accusano - fra le altre cose - di ignorare la quantità dei cerchi fatti dagli uomini ("ignoring the extent of hoaxes") e di incoraggiare inconsapevomente la creazione di cerchi elaborati da parte di gruppi di persone ossessivamente attratti dal misticismo di Stonehenge, Avebury and Silbury Hill ("are inadvertently encouraging elaborate hoaxes by groups fixated on the mysticism of Stonehenge, Avebury and Silbury Hill").

E' un dato di fatto, mancano poco più di un paio di anni al Settembre 1991 e c'è già qualcuno che pubblicamente sulla stampa fa sentire la sua voce contraria ai due "esperti" Delgado e Andrews, denuncia sempre pubblicamente che i cerchi fatti dagli uomini sono tanti e che ci sono gruppi diversi di circlemakers in azione nelle campagne inglesi.

Un altro elemento interessante che voglio infine segnalare emerge da quest'altro frammento:
Fortunately, they can identify genuine circles with dowsing rods. And by felicitous circumstances, Delgado's naked hands are tuned to energy forces and subterranean water.

Delgado e Andrews, gli "esperti", riescono a identificare se i cerchi esaminati sono genuini o meno con... le bacchette da rabdomante, non solo, Delgado a mani nude è in grado di sintonizzarsi con le forze energetiche e l'acqua nel sottosuolo.

Su che solide fondamenta nasce il mito dei cerchi?

Francesco Grassi

venerdì 11 aprile 2008

Geonaute GPS Keymaze 300: Profilo Altimetrico

Istruzioni più dettagliate

Qualche tempo fa avevo scritto questo post:

Dopo la pubblicazione ho ricevuto alcune richieste di aiuto per riuscire a seguire la procedura finalizzata a ottenere il profilo altimetrico del percorso memorizzato dal Keymaze.

Ecco quindi qui riassunti i passaggi principali in maniera più esplicita.

Per prima cosa si deve esportare il percorso del Keymaze in formato gpx, si deve cioè ottenere un file con estensione ".gpx"

Una volta ottenuto il file in formato gpx, bisogna andare al link:

Fate riferimento ora a questa immagine:

Tramite il campo Upload your files here si procederà alla conversione del file gpx tramite il pulsante Convert (in un formato che servirà per il passaggio successivo).

Si otterrà quindi un nuovo file che si potrà anche salvare sul proprio PC.

A questo punto bisogna andare su questa pagina:

Fate riferimento ora a quest'altra immagine:

Copiate e incollate il contenuto del file ottenuto al passaggio precedente, all'interno della finestra "Input:".
Fate click sul bottone Start Elevation Lookup e attendete che vengano processate tutte le coppie di coordinate.
Per ogni coppia di coordinate il processo ricava l'altimetria associata.

Quando il processo è terminato, fate click sul bottone Draw a profile e verrà generato il grafico del profilo altimetrico del percorso.

Spero che adesso sia tutto più chiaro!

Francesco Grassi

sabato 5 aprile 2008

Cerchi nel grano: il mistero delle mosche morte (4)

Gli Atlanti di Voyager e le mosche morte

Da qualche mese (Prima edizione: Ottobre 2007) si trova in vendita un libretto molto colorato e con molte fotografie dal titolo "Cerchi nel Grano - Un caso aperto", autore Davide Fiorani per Giunti Editore.
Il libretto fa parte della collana Gli Atlanti di Voyager, collana presentata da Roberto Giacobbo.

Sul sito ufficiale di Voyager alla pagina della Bibliografia compare questa presentazione:
I cerchi di grano sono zone di campi di cereali in cui le piante appaiono appiattite in modo uniforme, formando varie figure geometriche ben visibili dall'alto. Queste figure sono diventate un controverso oggetto d'indagine tra gli studiosi di diverse discipline scientifiche e appassionati di tutto il mondo, aprendo una serie di quesiti che l'autore descrive nel dettaglio: che origine hanno? Sono la prova che gli ufo esistono? Appaiono davvero all'improvviso? È vero che intorno a queste figure si ritrovino sostanze sconosciute?

Sulle mosche, in maniera specifica, compare solo questo testo a pagina 59:
Le mosche morte

Un'altra delle caratteristiche che contraddistingue un Cerchio cosiddetto autentico da uno falso, ad un primo approccio, sono gli insetti morti che si trovano all'interno della formazione. Nei pittogrammi ritenuti autentici, infatti, non di rado vengono ritrovate mosche letteralmente esplose: testa, ali, zampe e parti del corpo sono sparse sulle piante.
Altre mosche, invece, restano saldate con il rostro alle spighe. Insetti che sembrano essersi trovati al momento sbagliato nel posto sbagliato.
La prima ad accorgersi del fenomeno è stata la ricercatrice olandese Janet Osseebard che, nel luglio del 1998, cominciò a raccogliere osservazioni in merito. Il suo successivo lavoro ha mostrato che molte mosche appaiono dilaniate, lo stesso effetto che si otterrebbe "cuocendole" a grande potenza al microonde.
Alcuni scettici hanno obiettato che ad uccidere gli insetti sia in realtà un fungo, l'Entomophtora Muscae, che colpirebbe gli insetti producendo effetti simili a quelli osservati dalla ricercatrice.

Probabilmente con quell'alcuni scettici l'autore intendeva riferirsi a me, ma a parte questo è un vero peccato che sul libretto non sia menzionato nemmeno un riferimento internet che possa rimandare il lettore alla mia indagine che ha dato la soluzione al mistero.

Se sei approdato fin qui, caro lettore, allora puoi ancora farcela:

Francesco Grassi

martedì 1 aprile 2008

Crop circles: ultimissime novità

E' ormai ampiamente dimostrato che il famoso video di Oliver's Castle in cui si vedono delle BOLs (Balls Of Light) entrare in un campo e creare un crop circle è genuino, e quindi è possibile ipotizzare che dal momento che le frequenze magnetiche del pianeta Terra stanno aumentando, allora anche le complessità archetipiche dei cerchi aumentano.
Essendo tutto olistico è sostanzialmente confermato inoltre che le radiazioni a microonde delle Sfere di Luce risuonano con l'acqua nel sottosuolo concorrendo a creare quelle meravigliose forme dei crop circles che sono quindi irrealizzabili da parte degli uomini.
L'altezza di 4.1 metri della BOL dal suolo, ha poi un significato molto particolare. Basta moltiplicare il tutto per l'altezza delle Twin Towers, dividere per il diametro del Pentagono e sottrarre pigreco per rilevare che ancora una volta viene fuori il rapporto aureo. Come si può spiegare tutto ciò?
Con i rapporti diatonici? Con gli archetipi che raccontano?
Non è possibile al momento.
E' arrivato però il momento di dire che alcuni dicono bianco e alcuni dicono nero, e per questo è essenziale continuare la ricerca, rimanete sintonizzati.

Francesco Grassi